sabato 17 novembre 2012

Diffamazione e comunicazione con più persone



Cassazione sez. V 17.05 – 24.07 2012 n. 30329

Tizio affida all’Avv. Caio la sua difesa in un procedimento penale.
Non contento dell’operato del legale, Tizio invia al Presidente dell’Ordine una missiva dai toni denigratori nei confronti di Caio, chiedendo di accertarne l’operato mediante procedimento disciplinare: si configura la diffamazione nei confronti del difensore?

Nella pronuncia in commento, la Suprema Corte ha sancito che nell’ambito della diffamazione è ravvisabile la comunicazione con più persone, elemento costitutivo del reato de quo, anche laddove lo scritto offensivo sia diretto ad una sola persona ma con modalità tali per le quali le espressioni offensive vengano sicuramente a conoscenza di altri ed il soggetto attivo ne sia ben consapevole.

Nel caso di specie è stata ravvisata la sussistenza della consapevole diffusione in un esposto a carico di un avvocato formalmente diretto al Presidente del Consiglio dell’Ordine con la consapevolezza che questi ne avrebbe investito tutto il Consiglio, poiché volto a sollecitare un eventuale procedimento disciplinare.

Nella fattispecie, non trova applicazione l’art. 598 c.p. che prevede la non punibilità delle offese contenute in scritti o discorsi pronunciati dalle parti o dai loro patrocinatori nei procedimenti dinanzi l’Autorità giudiziaria, poiché l’autore dello scritto non è parte nel successivo procedimento disciplinare  e quindi non opera l’esimente.

Il diritto di critica, che trova il suo fondamento nell’art. 51 c.p. è applicabile soltanto nei confronti di una segnalazione volta ad attivare un controllo sulle regole deontologiche.
Le espressioni devono comunque mantenersi nei limiti della continenza, travalicati ogni qualvolta per il loro carattere infamante trasmodino in una mera aggressione verbale del soggetto criticato, denigrandone la persona.

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi dell'argomento trattato? Lascia un tuo commento.