giovedì 11 luglio 2013

Difetto di querela ed interesse ad impugnare della parte civile

Cassazione Sezioni Unite 21.06.2012 n. 35599

                                                                                                                
Le Sezioni Unite si sono pronunciate sul seguente quesito: “ se sussiste o meno l’interesse della parte civile a proporre impugnazione contro la declaratoria di improcedibilità per mancanza di querela".

Sul punto, vi erano due differenti orientamenti.
Il primo, secondo cui la parte civile non è legittimata ad impugnare la pronuncia di improcedibilità per difetto di querela che riguarda esclusivamente l’azione penale e non incide sull’eventuale diritto al risarcimento del danno.
Non può accogliersi un ricorso volto soltanto a contestare la pronuncia di natura penale che non indichi l’interesse civilistico collegato al suo accoglimento.
Si è altresì chiarito come la decisione di non doversi procedere per difetto di querela non spieghi alcun effetto pregiudizievole nell’eventuale giudizio civile. (Cass. sez. V 26.4.2005 n. 36639; Sez. V 11.1.2008 n. 5373).

L’indirizzo contrario riteneva che l’assenza di pregiudizio per il processo civile avesse un valore inferiore rispetto al principale interesse della parte civile: affrontare in sede penale le questioni di merito da cui dipende l’accoglimento della domanda di risarcimento. (Cass. Sez. V 14.10.2011 n. 238)

Le Sezioni Unite, innanzitutto chiariscono come il vigente codice di procedura penale abbia adottato la regola della separazione delle giurisdizioni civile e penale prevedendo solo in determinate, tassative, ipotesi la possibilità che il giudicato penale esplichi effetti in ambito civile: artt. 2, 3 comma IV, 651, 652, 653 e 654 c.p.p.
L’azione civile solo eventualmente si inserisce nel processo penale, avendo carattere accessorio e subordinato ed i comportamenti processuali della stessa sono disciplinati dal codice di rito.
Intanto in giudice può occuparsi dei capi civili, in quanto accerti contestualmente la responsabilità dell’autore dell’illecito (artt. 538, 578 c.p.p.)

La sentenza di non doversi procedere per mancanza di querela ha meramente carattere processuale e non contiene un accertamento circa il fatto storico-reato.
La partecipazione della parte civile è strumentale alla cognizione del giudice penale che presuppone l’accertamento del fatto reato.
L’interesse ad impugnare ex art. 568 comma IV c.p.p. va valutato in relazione a tali peculiarità.
Ed invero, il proscioglimento per difetto di querela non preclude alla parte civile l’accertamento in sede civile né, tantomeno, con l’impugnazione può ottenere l’affermazione di responsabilità dell’imputato mancando un previo accertamento sul fatto.

Sulla scorta di tali argomentazioni, le Sezioni Unite hanno quindi elaborato il seguente principio di diritto: “la parte civile è priva di interesse a proporre impugnazione avverso la sentenza di proscioglimento dell’imputato per improcedibilità dell’azione penale dovuta a difetto di querela, trattandosi di pronuncia meramente processuale priva di idoneità ad arrecare vantaggio al proponente ai fini dell’azione civilistica”.





Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi dell'argomento trattato? Lascia un tuo commento.