sabato 25 gennaio 2014

Il ricorso per Cassazione della persona offesa.

Cassazione sez. III, Ord. 27.11.2012 n. 11543

La massimal’omesso avviso della richiesta di archiviazione alla persona offesa che ne abbia fatto richiesta determina la violazione del contraddittorio e la conseguente nullità ex art. 127 comma V c.p.p. del decreto di archiviazione, impugnabile con ricorso per cassazione, esperibile nel termine di impugnazione ordinario di quindici giorni, che decorre dal momento in cui la persona offesa abbia avuto notizia del provvedimento.”

La questione.
La persona offesa nella denuncia-querela richiede di essere informata nell’ipotesi di richiesta di archiviazione.
Il Pm, presenta istanza in tal senso al Gip che accoglie con decreto.
Avverso il decreto, presenta ricorso per Cassazione la persona offesa rilevando di non aver ricevuto la notificazione della richiesta di archiviazione poiché il Pm ha ritenuto che, essendo la persona offesa un’associazione dedita alla salvaguardia dell’ambiente, non le  era riconosciuta la qualità richiesta dall’art. 90 c.p.p.
La difesa dell’indagato, presenta memoria presso la Corte di Cassazione lamentando la tardività del ricorso.

Investita della questione circa il termine per la proposizione del ricorso, la Suprema Corte ha statuito in tal senso.
Sul punto, si distinguono tre differenti orientamenti.
1.
L’omesso avviso della richiesta di archiviazione alla persona offesa che ne abbia fatto richiesta determina violazione del contraddittorio e conseguente nullità ex art. 127 comma V c.p.p del decreto di archiviazione impugnabile entro 15 giorni dal momento in cui la persona offesa abbia avuto notizia del provvedimento. (Cass. sez. V 30.11.2010 n. 5139).
2.
Il ricorso non è sottoposto ai termini di cui all’art. 585 c.p.p. ma non per questo è esercitabile al di fuori di qualsiasi termine, bensì entro 10 giorni dal momento in cui l’interessato ha avuto conoscenza del provvedimento (Cass. sez. III 13.05.2010 n. 24063)
3.
Il terzo orientamento non prevede termini ritenendo che l’omesso avviso alla persona offesa determini la nullità del decreto del Gip. Nullità insanabile ex art. 127 comma V c.p.p. che può farsi valere senza l’osservanza dei termini di cui all’art. 585 c.p.p. (sez. V 13.12.2010 n. 1508/2011)

La Corte ritiene di aderire al primo orientamento.

Il rimedio esperibile in caso di omesso avviso alla persona offesa è contemplato dall’art. 409 comma VI c.p.p. il quale stabilisce che il provvedimento di archiviazione sia ricorribile in cassazione soltanto nelle ipotesi di cui all’art. 127 comma V c.p.p.
Trattandosi di un vero e proprio termine di impugnazione, deve reputarsi applicabile il regime generale di cui all’art. 585 comma I lett. a) e comma II lett. a) c.p.p.

Il termine è quindi di 15 giorni essendo un provvedimento emesso in camera di consiglio, non potendo ravvisarsi analogia con il termine di 10 giorni previsto per l'opposizione poiché quest’ultima non riveste i connotati dell’impugnazione in quanto proponibile soltanto prima che il giudice provveda sulla richiesta di archiviazione.

Sulla scorta di tali considerazioni, la Cassazione ha enunciato il seguente principio di diritto: “l’omesso avviso della richiesta di archiviazione alla persona offesa che ne abbia fatto richiesta determina la violazione del contraddittorio e la conseguente nullità ex art. 127 comma V c.p.p. del decreto di archiviazione, impugnabile con ricorso per cassazione, esperibile nel termine di impugnazione ordinario di quindici giorni, che decorre dal momento in cui la persona offesa abbia avuto notizia del provvedimento.”



Art. 127 c.p.p. Procedimento in camera di consiglio
1.Quando si deve procedere in camera di consiglio, il giudice o il presidente del collegio fissa la data dell'udienza e ne fa dare avviso alle parti, alle altre persone interessate e ai difensori. L'avviso è comunicato o notificato almeno dieci giorni prima della data predetta. Se l'imputato e` privo di difensore, l'avviso è dato a quello di ufficio.
2.Fino a cinque giorni prima dell'udienza possono essere presentate memorie in cancelleria.
3.Il pubblico ministero, gli altri destinatari dell'avviso nonché i difensori sono sentiti se compaiono. Se l'interessato è detenuto o internato in luogo posto fuori della circoscrizione del giudice e ne fa richiesta, deve essere sentito prima del giorno dell'udienza dal magistrato di sorveglianza del luogo.
4.L'udienza è rinviata se sussiste un legittimo impedimento dell'imputato o del condannato che ha chiesto di essere sentito personalmente e che non sia detenuto o internato in luogo diverso da quello in cui ha sede il giudice.
5.Le disposizioni dei commi 1,3 e 4 sono previste a pena di nullità.
6.L'udienza si svolge senza la presenza del pubblico.                                                               
7.Il giudice provvede con ordinanza comunicata o notificata senza ritardo ai soggetti indicati nel comma 1, che possono proporre ricorso per cassazione .
8.Il ricorso non sospende l'esecuzione dell'ordinanza, a meno che il giudice che l'ha emessa disponga diversamente con decreto motivato .
9.L'inammissibilita` dell'atto introduttivo del procedimento e` dichiarata dal giudice con ordinanza, anche senza formalità di procedura, salvo che sia altrimenti stabilito. Si applicano le disposizioni dei commi 7 e 8.
10. Il verbale di udienza è redatto di regola in forma riassuntiva a norma dell'articolo 140 comma 2 (1).


Art. 409 c.p.p. Provvedimenti del giudice sulla richiesta di archiviazione.
1. Fuori dei casi in cui sia stata presentata l'opposizione prevista dall'articolo 410, il giudice, se accoglie la richiesta di archiviazione, pronuncia decreto motivato e restituisce gli atti al pubblico ministero. Il provvedimento che dispone l'archiviazione è notificato alla persona sottoposta alle indagini se nel corso del procedimento è stata applicata nei suoi confronti la misura della custodia cautelare.
2. Se non accoglie la richiesta, il giudice fissa la data dell'udienza in camera di consiglio e ne fa dare avviso al pubblico ministero, alla persona sottoposta alle indagini e alla persona offesa dal reato. Il procedimento si svolge nelle forme previste dall'articolo 127. Fino al giorno dell'udienza gli atti restano depositati in cancelleria con facoltà del difensore di estrarne copia.
3. Della fissazione dell'udienza il giudice dà inoltre comunicazione al procuratore generale presso la corte di appello.
4. A seguito dell'udienza, il giudice, se ritiene necessarie ulteriori indagini, le indica con ordinanza al pubblico ministero, fissando il termine indispensabile per il compimento di esse.
5. Fuori del caso previsto dal comma 4, il giudice, quando non accoglie la richiesta di archiviazione, dispone con ordinanza che, entro dieci giorni, il pubblico ministero formuli l'imputazione. Entro due giorni dalla formulazione dell'imputazione, il giudice fissa con decreto l'udienza preliminare. Si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni degli articoli 418 e 419.
6. L'ordinanza di archiviazione è ricorribile per cassazione solo nei casi di nullità previsti dall'articolo 127 comma 5.    

Articolo 585 c.p.p. Termini per l’impugnazione
1. Il termine per proporre impugnazione, per ciascuna delle parti è:
a) di quindici giorni, per i provvedimenti emessi in seguito a procedimento in camera di consiglio e nel caso previsto dall’articolo 544 comma 1;
b) di trenta giorni, nel caso previsto dall’articolo 544 comma 2;
c) di quarantacinque giorni, nel caso previsto dall’articolo 544 comma 3.
2. I termini previsti dal comma 1 decorrono:
a) dalla notificazione o comunicazione dell’avviso di deposito del provvedimento emesso in seguito a procedimento in camera di consiglio;
b) dalla lettura del provvedimento in udienza, quando è redatta anche la motivazione, per tutte le parti che sono state o che debbono considerarsi presenti nel giudizio, anche se non sono presenti alla lettura;
c) dalla scadenza del termine stabilito dalla legge o determinato dal giudice per il deposito della sentenza ovvero nel caso previsto dall’articolo 548 comma 2, dal giorno in cui è stata eseguita la notificazione o la comunicazione dell’avviso di deposito;
d) dal giorno in cui è stata eseguita la notificazione o la comunicazione dell’avviso di deposito con l’estratto del provvedimento, per l’imputato contumace e per il procuratore generale presso la corte di appello rispetto ai provvedimenti emessi in udienza da qualsiasi giudice della sua circoscrizione diverso dalla corte di appello.
3. Quando la decorrenza è diversa per l’imputato e per il suo difensore, opera per entrambi il termine che scade per ultimo.
4. Fino a quindici giorni prima dell’udienza possono essere presentati nella cancelleria del giudice della impugnazione motivi nuovi nel numero di copie necessarie per tutte le parti. L’inammissibilità dell’impugnazione si estende ai motivi nuovi.
5. I termini previsti dal presente articolo sono stabiliti a pena di decadenza.

                                                                                                                                                    

Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi dell'argomento trattato? Lascia un tuo commento.